[cmsms_row data_width=”boxed” data_padding_left=”3″ data_padding_right=”3″ data_color=”default” data_bg_color=”#ffffff” data_bg_position=”top center” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_size=”cover” data_bg_parallax_ratio=”0.5″ data_color_overlay=”#000000″ data_overlay_opacity=”50″ data_padding_top=”0″ data_padding_bottom=”50″][cmsms_column data_width=”1/1″][cmsms_image align=”none” animation_delay=”0″]48|http://www.pierstefanodurantini.it/wp-content/uploads/2018/03/2-DSC_0013MicroplasticanelLago-580×389.jpg|project-masonry-thumb[/cmsms_image][cmsms_text animation_delay=”0″]

Un recente rapporto curato da Legambiente ed ENEA lancia l’allarme sull’inquinamento da microplatica (particelle con dimensione inferiore ai 5mm) non solo per mari e oceani, ma anche per laghi e fiumi. Secondo i dati di Goletta dei Laghi 2017, dopo il lago di Como e il Maggiore al terzo posto per inquinamento c’è il lago di Bracciano, nelle cui acque sono state rilevate una media di 117mila microparticelle per chilometro quadrato. Trattasi di frammenti di buste di plastica, fibre tessili sintetiche, cordame, pneumatici, cotton fioc, bottiglie ecc.
In base allo studio i depuratori non riescono a filtrare le microplastiche, non resta quindi che correggere le quotidiane e malsane abitudini umane.

©2018 Pierstefano Durantini

[/cmsms_text][/cmsms_column][/cmsms_row]