[cmsms_row data_width=”boxed” data_padding_left=”3″ data_padding_right=”3″ data_color=”default” data_bg_color=”#ffffff” data_bg_position=”top center” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_size=”cover” data_bg_parallax_ratio=”0.5″ data_color_overlay=”#000000″ data_overlay_opacity=”50″ data_padding_top=”0″ data_padding_bottom=”50″][cmsms_column data_width=”1/1″][cmsms_image align=”none” animation_delay=”0″]68|http://www.pierstefanodurantini.it/wp-content/uploads/2018/03/5-IRA_0938-LimiteVelocità-580×386.jpg|project-masonry-thumb[/cmsms_image][cmsms_text animation_delay=”0″]

A volte la segnaletica stradale lascia basiti e pone interrogativi senza alcuna risposta plausibile. È il caso del limite di velocità a 20 km/h imposto, e non rispettato, in via Santa Lucia, tratto della Braccianese Claudia all’altezza della caserme. Se tale limite ha una sua ratio, al fine di consentire un agevole e sicuro attraversamento ai militari che passano da una caserma all’altra, il fatto che alcuna autovettura lo rispetti lo rende ridicolo e anacronistico. Sarebbe molto più semplice rendere costantemente funzionante l’impianto semaforico già presente e non sempre operativo.

©2017 Pierstefano Durantini

[/cmsms_text][/cmsms_column][/cmsms_row]