[cmsms_row data_padding_bottom=”50″ data_padding_top=”0″ data_overlay_opacity=”50″ data_color_overlay=”#000000″ data_bg_parallax_ratio=”0.5″ data_bg_size=”cover” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_position=”top center” data_bg_color=”#ffffff” data_color=”default” data_padding_right=”3″ data_padding_left=”3″ data_width=”boxed”][cmsms_column data_width=”1/1″][cmsms_image align=”none” animation_delay=”0″]153|http://www.pierstefanodurantini.it/wp-content/uploads/2018/03/7-discariche-580×435.jpg|project-masonry-thumb[/cmsms_image][cmsms_text animation_delay=”0″]

Il problema dei rifiuti ci assedia da ogni punto di vista. Un po’ ovunque sorgono, ai lati della strada, cumuli di spazzatura più o meno grandi. Ma stavolta si è superato ogni limite, questa immagine ritrae alcune masserizie lasciate in Via Ponte Valle Trave 8, esattamente all’interno del cortile ove è situata la redazione del nostro giornale. Quindi non solo piccole discariche crescono, ma addirittura avanzano fino alla soglia di casa. La logica delle discariche è ormai fallita e superata, andrebbe intensificata la raccolta differenziata ed è urgente ridurre i rifiuti alla fonte, modificando il nostro stile di vita e di produzione, altrimenti finiremo sommersi dalla nostra stessa spazzatura.

© 2015 Pierstefano Durantini

[/cmsms_text][/cmsms_column][/cmsms_row]