[cmsms_row data_padding_bottom=”50″ data_padding_top=”0″ data_overlay_opacity=”50″ data_color_overlay=”#000000″ data_bg_parallax_ratio=”0.5″ data_bg_size=”cover” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_position=”top center” data_bg_color=”#ffffff” data_color=”default” data_padding_right=”3″ data_padding_left=”3″ data_width=”boxed”][cmsms_column data_width=”1/1″][cmsms_image align=”none” animation_delay=”0″]339|http://www.pierstefanodurantini.it/wp-content/uploads/2018/03/IRA_0026-10ComprORO-580×386.jpg|project-masonry-thumb[/cmsms_image][cmsms_text animation_delay=”0″]

Stanno spuntando come funghi, ce n’è uno a Bracciano, un altro a Canale Monterano e uno è stato appena inaugurato a Oriolo Romano. Si tratta dei negozi che comprano oro, di solito intorno a 24 € gr. per quello a 18 carati, per poi rivenderlo a 40 €. La loro velocissima diffusione è sorprendente e c’è chi dice che è un buon modo per riciclare denaro di dubbia provenienza, ma soprattutto è indicativa di un disagio generale, che colpisce varie categorie sociali. Infatti parlare con chi lavora in questi posti è illuminante come un saggio di economia e fotografa bene la difficile situazione economica del nostro Paese. C’è l’anziana che si vende l’anello perché non riesce a pagare la bolletta della luce, la famiglia che ha difficoltà con la rata del mutuo, ma pure giovani che si vendono monili della loro comunione o del battesimo per acquistare il telefonino nuovo o la borsa firmata. Mala tempora currunt!

©2012 Pierstefano Durantini

[/cmsms_text][/cmsms_column][/cmsms_row]