I numeri del gioco d’azzardo in Italia sono inquietanti. Nel 2016 il valore delle giocate è stato di 96 miliardi di euro e poco più della metà solo nelle slot e vlt. È come se ogni italiano avesse puntato sul gioco d’azzardo 1.587 €, pari a 132 € al mese. La recente intesa tra Governo, Comuni e Regioni sul riordino dei giochi prevede il dimezzamento in 3 anni dei punti gioco, il collegamento delle macchinette con i Monopoli e la possibilità per i sindaci di decidere orari di chiusura, fino a 6 ore consecutive al giorno, imponendo distanza da scuole e chiese. Uno strumento in più per combattere i tragici effetti della ludopatia dilagante, che conta 24mila pazienti affetti da DGA – Disturbo da Gioco d’Azzardo – in carico presso SerT/SerD e strutture del privato sociale. 184 le strutture del Servizio Sanitario e 95 quelle del privato sociale che prevedono attività cliniche specifiche per affrontare questa patologia. Quindi cari sindaci intervenite, perché come dice lo spot: il gioco è vietato ai minori e può causare dipendenza patologica.

©2017 Pierstefano Durantini

Leave a Reply

Your email address will not be published.